Cabine elettriche 

Solar panel installation crew outside a house

Quando vuoi collegare le tue cabine elettriche alla rete elettrica e l’utilità locale ti dice che ti costerà euro 130.000, questo è un forte incentivo a cercare alternative. Quella stima dei costi è ciò che ha spinto Jerry e Victoria Wolford a passare all’energia solare all’inizio del 2017. La loro cabina di 1.900 piedi quadrati a Sullivan, nel Maine, si trova sulla punta del Long Pond in mezzo a 110 acri di terreno privato acquistato dai Wolford nel Frenchman Bay Conservancy. “Sapevamo che volevamo fare il solare”, dice Jerry. “Il funzionamento continuo di un generatore non è un’opzione fattibile, con il costo del propano e tenendo il passo con la manutenzione”, per non parlare del rumore. Scegliere l’energia solare per la tua cabina – sia off-grid (non collegata alla rete elettrica esistente), come hanno fatto i Wolford, on-grid o una versione ibrida – è una decisione importante con molti fattori.

L’energia solare è giusta per te?

Il criterio più importante per determinare se la tua cabina è un buon candidato per l’energia solare è l’esposizione al sole. La cosa migliore è l’esposizione al 100%, afferma Justin Arneson, consulente solare di All Energy Solar a St. Paul, Minnesota (AES fa affari anche in Iowa e Massachusetts.) “Se hai il 40% o meno (cioè il 60% ombra) su base annuale, non vuoi usare il solare. La quantità di esposizione al sole non dipende solo dal fatto che tu sia circondato da alberi ad alto fusto o abbia un tetto esposto a sud. Dipende da dove si trova la tua cabina nella nazione, dalla stagione e dal numero massimo di ore di luce solare. (Un’ora di picco di sole è un’ora di luce solare che offre 1.000 watt di energia fotovoltaica per metro quadrato.) New York e Massachusetts, ad esempio, ottengono una media di quattro ore di luce solare di picco al giorno; mentre Nevada e Arizona ne ottengono più di sei. (Il National Renewable Energy Laboratory ha una mappa che mostra il numero di ore solari per ogni stato.) E anche se potrebbe sembrare che potresti semplicemente chiamare un installatore solare e dirgli la metratura della tua casa e la sua posizione per ottenere un citazione, la dimensione della casa è quasi irrilevante. “Ciò che è importante è il tuo profilo elettrico: quanta elettricità hai bisogno”, afferma Daryl DeJoy, proprietario e installatore di Penobscot Solar Design a Penobscot, nel Maine. I suoi clienti compilano un modulo riguardante i tipi di elettrodomestici che utilizzano e quante ore al giorno e alla settimana li utilizzano. Ora che si sono ritirati e la cabina è la loro “casa per sempre”, come dice Jerry, i Wolford hanno un nuovo frigorifero, TV satellitare e Internet, luci a LED, lavastoviglie, lavatrice e asciugatrice, stampante laser, laptop e aspirapolvere. Tutto questo è gestito da 18 pannelli da 290 watt (totale di 5220 watt o 5,22 kWh) e un banco batteria da 48 volt, che contiene 880 ampere orari per uno stoccaggio utilizzabile totale di 34 kWh. L’altra cosa da considerare sono le tue abitudini. I Wolford sono conservatori nel loro uso dell’elettricità e hanno dovuto cambiare le loro abitudini solo leggermente per far funzionare l’energia solare per loro. “Solo piccole cose”, dice Jerry. Ad esempio, fanno funzionare la lavatrice e l’asciugatrice durante il giorno in cui sorge il sole per non esaurire la batteria. Hanno anche deciso di rinunciare a una caffettiera e di preparare il caffè sul fornello. “E avevo bisogno del mio brutto orologio elettrico ‘Ferris-Bueller’s-Day-Off’ che lampeggiava a luci rosse? Probabilmente no”, scherza Jerry. “Ne abbiamo molti di quelli decorativi.”